Ticinosuco (Ticinosuchus)

Nome: Ticinosuco (Ticinosuchus ferox)
Era: Mesozoica
Epoca: Triassico medio
Anni fa: 247-242 milioni
Gruppo: Archosauria > Pseudosuchia > Suchia
Dieta: Carnivoro
Siti di ritrovamento: Italia e Svizzera

Lunghezza massima: 3,1 m
Altezza massima: 0,7 m
Peso massimo: 50 Kg

Ticinosuchus era un carnivoro terrestre di aspetto simile a un coccodrillo, avente una corporatura relativamente gracile e degli arti piuttosto slanciati. Il corpo e la coda erano in parte corazzati da placche ossee disposte lungo la linea mediana. Aveva grossi denti appuntiti e ricurvi con il margine seghettato, saldamente infissi nelle potenti mascelle. Predatore alla sommità della catena alimentare, Ticinosuchus si cibava probabilmente di altri vertebrati, anche di taglia comparabile alla propria. La recente segnalazione di contenuti stomacali costituiti da scaglie di vari tipi di pesci, dimostra che questi ultimi facevano sicuramente parte della sua dieta e indica che l’animale viveva probabilmente non lontano dal litorale. Nella comunità faunistica della sua epoca, Ticinosuchus svolgeva un ruolo ecologico simile a quello dei grandi dinosauri bipedi carnivori dei quali è stato considerato erroneamente un progenitore: in realtà si tratta di una forma evolutivamente più vicina ai coccodrilli che ai dinosauri.

Ticinosuchus ferox è una specie esclusiva del giacimento di Besano-Monte San Giorgio, al confine italo-svizzero, ed è rappresentata da resti fossili molto scarsi: uno scheletro abbastanza completo, ma non in condizioni ottimali di conservazione, e un frammento di coda di un secondo esemplare, rinvenuti in Svizzera; un terzo esemplare parziale ritrovato e descritto in Italia è di attribuzione ancora incerta. Orme fossili potenzialmente riferibili a Ticinosuchus sono state scoperte in Piemonte, Liguria, Trentino Alto Adige e Veneto.