Dimetrodonte (Dimetrodon)

Nome: Dimetrodonte (Dimetrodon grandis)
Era: Paleozoica
Epoca: Cisuraliano (Permiano inferiore)
Anni fa: 295-272
Gruppo: Synapsida > Pelycosauria > Sphenacodontidae
Dieta: Carnivoro
Siti di ritrovamento: Stati Uniti ed Europa

Lunghezza massima: 3,5 m
Altezza massima: 1,5 m
Peso massimo: 250 kg

Vissuto nel periodo Permiano, il Dimetrodonte era un Rettile primitivo che raggiungeva i tre metri e mezzo di lunghezza. Deve il suo nome alla particolare dentatura, formata da denti di due diverse misure: in entrambe le mascelle, quelli anteriori erano enormi e formavano una sorta di trappola, mentre quelli posteriori erano decisamente più piccoli, specie nella mandibola, e servivano per tranciare la carne.
Altra caratteristica del Dimetrodonte era costituita dallo sviluppo delle vertebre dorsali che si allungavano in altissime spine neurali simili a bacchette, alcune delle quali superavano il metro. Queste supportavano una membrana di pelle che, se riccamente vascolarizzata, avrebbe potuto aiutare l'animale a regolare la temperatura interna: orientandosi in modo da esporre la vela ai primi raggi del sole, un dimetrodonte sarebbe infatti potuto entrare in attività molto prima di un rettile della stessa taglia privo di questa membrana, risultando così subito pronto a cacciare le prede ancora intorpidite dal freddo notturno. Alcuni paleontologi sostengono però che l’animale utilizzasse la vela semplicemente come struttura di display, cioè come ornamento per essere riconosciuto dagli altri dimetrodonti e per attrarre il partner durante la stagione degli amori.
Questo Rettile, ancora molto arcaico, non era un antenato dei dinosauri; al contrario, aveva caratteristiche tali da inquadrarlo nel ramo evolutivo dei sinapsidi, che avrebbe portato ai Mammiferi.
Fossili di Dimetrodonte sono stati rinvenuti nel Texas, in Oklahoma e in Germania.